CIAO GIGI.

Maggio 23, 2020

Se n’è andato. Se n’è andato un gentiluomo, l’allenatore gentiluomo del calcio italiano. Un “signore” prima di tutto. Un galantuomo che aveva nell’ onestà, nella serietà e nel rispetto del prossimo, le sue doti migliori. Lo ricordiamo come giocatore negli anni 60 e inizio anni 70, ma ancora di più lo ricordiamo come allenatore gli anni seguenti. Non serve elencare le numerose “cattedre” dove ha insegnato il suo modo di fare calcio, serve invece ricordare che dovunque andava ad allenare metteva la passione e il cuore prima di ogni altra cosa. Ho avuto modo di conoscerlo personalmente per la prima volta nel 2003, anno in cui conquistò una storica promozione in serie A con l’ Ancona. Poi l’ ho di nuovo incontrato un paio di anni fa, nel 2018 in occasione della pubblicazione di un suo libro, “Simoni si nasce. Tre vite per il calcio”. Sempre gentile e disponibile con tutti, sempre sorridente e cordiale. Un vero signore. Ciao Gigi, fai buon viaggio, resterai per sempre nei nostri cuori.